Metodo e cure primarie

Qualsiasi risultato noi si vada ad analizzare e su cui basiamo le nostre scelte ed investimenti , presuppone un metodo; che sia non strutturato o strutturato in base alle più diverse categorie , comunque contiene un metodo.

Nella nostra proposta il core è costituito da questo concetto applicato alla prevenzione primaria.

Nel Diabetes Prevention Program Research group ( N Eng J Med346/393-403 2002) si valuta dopo un follow up di circa 3 anni una riduzione dell’incidenza del diabete versus placebo del 58 % negli interventi sullo stile di vita rispetto al 31 % della metformina  . Come tale è intuitiva la lunga teoria di dati a favore degli interventi nello stile di vita.

Il Consensus Statement 2002 della Società Europea di Medicina Generale (WONCA EUROPE), stila la definizione europea di medicina generale ,ne afferma la validità scientifica  e la certifica come disciplina accademica e scientifica con una sua propria base di evidenze e di attività clinica orientata alle cure primarie.

La Medicina Generale rappresenta il punto chiave della prevenzione primaria,infatti essa è : Una forma di assistenza medica in cui assumono particolare importanza il contatto primario e la RESPONSABILITA’ CONTINUATIVA nei confronti del paziente, sia nella prevenzione che nella terapia ( American Board of Family Practice).

Nello studio “Diabetes Prevention Program” ,la best practice era codificata attraverso  steps definiti, come ad esempio un numero definito di sedute individuali oltre che consigli di vita ed alimentari ed altri aspetti, ma nell’attività quotidiana nel setting dell’ambulatorio del mmg come vanno le cose ,che mezzi sono utilizzati, su che RISORSE può contare il medico? In quest’ambito si pone il criterio del metodo,perché presuppone l’applicazione di valori e non di rituali.

Il cardine di un rinnovamento, che per chi è del mestiere ha le origini negli anni 80, con la MEDICINA D’INIZIATIVA , che ha trovato nell’HSS inglese ampio riconoscimento con il contratto stipulato nel 1990. Nel 2001 un’indagine nazionale italiana mostra che solo il 16 % dei medici utilizzava la medicina di iniziativa e il 49% dichiarava di non conoscerne il significato.

Quindi la perdita di tutta la MEDICINA DI OPPORTUNITA’, in cui il medico svolge una strategia semplice e realizzabile come quella di prevenzione ed educazione sanitaria nel contesto di una normale visita medica sul paz che ne presenta il bisogno ; questo basandosi sul presupposto che il medico nell’arco di cinque anni ha almeno un contatto con tutta la popolazione che assiste.

Nello studio VIS (vivere in salute)progetto di prevenzione primaria cardiovascolare nella regione Friuli Venezia Giulia, è stato dimostrato che la medicina di iniziativa è un mezzo più efficiente ed efficace di quella di attesa  per la raccolta di dati necessaria alla valutazione del rischio cardiovascolare nella popolazione a rischio.

Per cui non è in discussione il metodo dell’EBM o scientifico, ma l’applicazione del metodo nella pratica, quindi  delle dinamiche, che conosciute da anni non vengono applicate.

La creazione e l’utilizzo di una rivista che si imperni su questi valori dinamici, che utilizzando i criteri della best practice la applichino con la possibilità di un costante feed back derivato dalla tecnologia del WEB 2.0 è la chiave di volta, perché ha 2 presupposti irrinunciabili:

1)La dinamicità e quindi l’adattamento.

2) la gestione dalla base e quindi peer to peer.

In questa logica risulta fondamentale aiutare e sostenere in un paese come il nostro iniziative non di retroguardia basate su scelte scontate, ma finanziare il cambiamento verso metodi e scelte che paradossalmente con anni di validazione alle spalle risultano per noi ancora aspirazioni.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...